Con l'asilo modello anche i bambini in banca

I locali, 750 mq per 60 ospiti, sono muniti di un sistema di video-sorveglianza e anti-incendio e si trovano presso la sede centrale
Un esempio emblematico dell'attenta politica nei confronti del personale adottata da Banca Mediolanum, è rappresentato dall'asilo nido aziendale, che ha appena compiuto il suo primo anno di vita.
La realizzazione della struttura, presso la sede centrale della Banca, a Milano 3 City (comune di Basiglio), è stata anticipata da un'indagine interna e da un lungo studio di fattibilità. Obiettivo: tenere conto soprattutto delle reali esigenze dei dipendenti.
Oggi l'asilo, in seguito a un ulteriore ampliamento, si sviluppa su una superficie di 700 mq e accoglie 60 bambini di età compresa dai 3 mesi ai 3 anni, ma entro i primi mesi dell'anno 2006 gli "ospiti" saliranno a quota 88 (7 posti sono riservati ai residenti del Comune di Basiglio). Vista la carenza di asili nido nell'ambito della provincia di Milano, ovvero gli istituti destinati ai più piccoli, si è preferito infatti puntare su questo target piuttosto che su quello delle scuole materne.
Assunta questa decisione di partenza, il primo problema da affrontare è stato quello dello spazio e del luogo più appropriati per la nuova dimora. "La struttura doveva necessariamente essere vicina alla realtà aziendale per garantire ai genitori, in caso di urgenza, la comodità e la tranquillità di poter intervenire il prima possibile", spiega Danilo Benedetti, direttore Risorse Umane del Gruppo Mediolanum. "A seguito di un'accorta selezione, abbiamo così scelto la società di consulenza Happy child, esperta del settore, a cui ora è affidata la stessa gestione dell'asilo, che ci ha affiancato nella fase di costruzione suggerendoci anche architetti specializzati in questa tipologia di edilizia scolastica".
L'asilo aziendale di Banca Mediolanum, del resto, è all'avanguardia sotto diversi punti di vista. "Sono stati rispettati di gran lunga i migliori standard qualitativi previsti per il comparto, dai materiali impiegati alla location",
- commenta il direttore delle risorse umane del Gruppo - i locali, muniti di un sistema di video-sorveglianza e anti-incendio, si trovano al piano terra di una palazzina immersa nel verde, lontana dai pericoli e dalla confusione dei centri urbani".
Gli stessi livelli di eccellenza valgono pure per il servizio mensa: è stata allestita una cucina per preparare vivande e cibi caldi in loco, potendo contare su prodotti freschi di giornata in quanto nulla viene conservato dai pasti precedenti. Alle famiglie questo "pacchetto" costa una retta mensile di 250 euro per 11 mesi, potendo, tra l'altro, usufruire di un orario più flessibile che va incontro alle necessità di chi lavora in ufficio, ovvero dalle 8.30 alle 18. L'asilo nido è aperto tutto l'anno e il mese di agosto è gratuito.
Il tutto ha dato il via a un circolo virtuoso che dal benessere dei dipendenti comporta anche quello dell'azienda. "Da quando è attivo l'asilo è diminuita di oltre il 40% l'assenza post partum delle donne. La nostra è una azienda molto giovane, con un'età media di 32 anni rispetto alla media del settore che supera i 40; si può immaginare, quindi, quanti bambini possano nascere e quanto sia importante per i nostri collaboratori avere la disponibilità e l'accesso ad una struttura tanto innovativa e soprattutto "tranquillizzante"". Ma non è l'unico segnale positivo, in quanto - conclude Benedetti - "da quando è in fuinzione l'asilo è aumentato il tasso di natività all'interno dell'azienda". A riprova, per accedere all'asilo appena ampliato è già stato necessario ricorrere a una graduatoria con tanto di lista d'attesa.