L'Atalanta è nei guai: rimane a - 6 Niente sconti per Doni e Signori

La Corte di giustizia federale della Figc ha accolto il ricorso di Thomas Manfredini e prosciolto il giocatore dell’Atalanta. Nessuno sconto invece per Signori, Doni e l'Atalanta, che inizierà il prossimo campionato di serie A con sei punti di penalizzazione

Roma - La Corte di Giustizia federale ha prosciolto Thomas Manfredini dall’accusa di illecito sportivo. Cancellata la squalifica di tre anni che era stata comminata al difensore dell’Atalanta, mentre è stata confermata la sentenza di primo grado ai danni di Cristiano Doni e della società orobica, che dunque sconterà 6 punti di penalizzazione nel prossimo campionato di serie A. Altri tre i ricorsi accolti: sospesa la squalifica dell’ex presidente del Ravenna Gianni Fabbri, per cui il procuratore federale Stefano Palazzi aveva chieso 5 anni di stop con proposta di radiazione. Buone notizie anche per il Benevento, i cui punti di penalizzazione da scontare nel campionato di Lega Pro Prima Divisione sono stati ridotti da 9 a 6. Prosciolto lo Spezia, che dunque non dovrà partire da -1 in classifica.

Niente sconti per Signori Per i restanti ricorsi, la Corte di giustizia si è pressoché allineata alle decisioni già espresse dai giudici di primo grado, confermando tra l’altro i 5 anni con radiazione per Beppe Signori e Marco Paoloni, l’ex portiere di Cremonese e Benevento al centro dell’inchiesta. Club e tesserati potranno ora ricorrere al Tribunale nazionale di arbitrato per lo sport (Tnas) o, in alternativa, all’Alta Corte di giustizia sportiva.