Latitante da giugno, era in agriturismo in Puglia Preso boss della camorra: preparava il barbecue

Ciro Di Domenico 52 anni, boss dell’omonimo clan camorristico operante nel nolano, è stato arrestato questa
mattina mentre era in vacanza in un agriturismo in Puglia. Ai carabinieri, che lo hanno sorpreso mentre accendeva il fuoco, ha dato una carta d'identità falsa

Vieste - Ricercato da giugno è stato colto di carabinieri mentre accendeva il barbecue a Vieste. Protagonista della storia è Ciro Di Domenico 52 anni, boss dell’omonimo clan camorristico operante nel nolano, arrestato questa mattina mentre era in vacanza in un agriturismo in Puglia. All’arrivo dei militari era impegnato ad accendere il barbecue per una grigliata con la sua ex moglie e due parenti della donna.

Falsa identità L’uomo era a capo di un'organizzazione criminale dedita per lo più al racket e si era procurato una carta d'identità fasulla, la stessa che ha mostrato ai Carabinieri nel tentavi, vano, di depistatli. Ora gli è stata notificata un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Nola per violazione a obblighi e prescrizioni imposte con la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Denunciati a piede libero per favoreggiamento i tre, originari della provincia di Pavia, che erano con lui.