L'attacco di Veltroni al Pdl: "Serve coraggio, non un maquillage"

Il leader del partito democratico attacca a testa bassa il Popolo della libertà: "Non conta il cambio di vestito ma la sostanza"

Roma - "È certo un tentativo di rispondere alla nostra sfida ma il problema non è fare il maquillage ma fare una scelta coraggiosa. Non conta il cambio di vestito ma la sostanza". Così il leader del Pd Walter Veltroni commenta l’annuncio di Forza Italia e An di correre con un’unica lista alle prossime elezioni.

"Il problema - evidenzia Veltroni - non è fare un maquillage perché altrimenti noi facevamo una coalizione con la sinistra radicale in altre forme ma non avremmo dato risposta alla richiesta dei cittadini di presentare un programma e poi attuarlo. Non si può dire che nel centrodestra c’è omogeneità di valori e la soluzione non è mettere l’ombrello per nascondere cosa c’è sotto ma la sostanza, pagare un prezzo alla scelta di omogeneità e di chiarezza".

Una scelta, evidenzia il leader del Pd, "che noi abbiamo fatto e la Cdl non ancora perché la risposta sembra più una riorganizzazione di sigle interne che una scelta di innovazione. Chi è d’accordo con un programma di innovazione - afferma Veltroni - sta in uno schieramento mentre dall’altra parte vedrete che si tornerà a fare o un programma che non dice niente o un programma di centinaia di pagine o nessun programma".

Mentre il problema, aggiunge il sindaco di Roma, "è lasciare a terra ciò che non si condivide". E il leader del Pd non risparmia anche una stoccata al leader di An Gianfranco Fini: "Ricordate cosa disse dopo il predellino... Ma nella politica italiana ci si abitua a tutto".