Latte crudo La Provincia rilancia in città il prodotto fresco delle mucche nostrane

Integro, naturale, vivo, fresco di giornata, il latte crudo delle vallate genovesi si può acquistare anche «alla spina»: bastano una bottiglia da litro, un euro e la voglia di gustare e riscoprire uno dei sapori più genuini e ormai quasi dimenticati per farlo nei distributori automatici genovesi. Lo ricordano la Provincia di Genova, la Confederazione Italiana Agricoltori, la Coldiretti che in collaborazione con l’Associazione provinciale Allevatori di Genova hanno organizzato una campagna informativa a sostegno dei produttori di latte del genovesato che effettuano vendita diretta al consumatore finale e che domenica 19 aprile saranno presenti con il loro latte anche a Slow Fish. «Scopo dell’iniziativa – dice la vice presidente della Provincia Marina Dondero - è far conoscere ai cittadini l’importanza di consumare senza alcun rischio il latte crudo, un alimento vero e prezioso per la natura, la salute, il gusto il cui utilizzo sostiene l’agricoltura e la zootecnia locale, perché proviene dagli allevamenti del nostro entroterra che offrono un prodotto dalle caratteristiche di qualità assoluta ed intrinseca con un risparmio economico per gli acquirenti».
Il latte crudo infatti viene munto ogni mattina in ogni azienda zootecnica del genovesato e commercializzato tramite un erogatore automatico a breve distanza dal luogo di produzione, offrendo così al consumatore un alimento freschissimo a un prezzo conveniente (1 euro al litro) nel massimo rispetto delle norme igienico-sanitarie e anche dell’ambiente. Altre informazioni sul sito www.lattecrudoinliguria.com