Il latte? È fresco di distributore

Un pieno di latte. La Confagricoltura informa i romani che dallo scorso 12 novembre il prezioso alimento viene messo in vendita sfuso e «crudo» attraverso un distributore automatico collocato presso la Cooperativa allevatori Testa di Lepre (che ha sede sulla statale Aurelia, uscita di Fregene in direzione di Cesano). L’iniziativa è di un allevatore romano, Giuseppe Brandizzi (responsabile tra l’altro responsabile della Sezione prodotto allevamenti bovini di Confagricoltura Roma). Il distributore si trova presso un centro cooperativo di vendita diretta della carne e altri prodotti biologici degli allevamenti. I consumatori possono acquistare in loco anche il latte, senza intermediari, tra produttore e consumatore. Il latte in vendita è un prodotto genuino che proviene da un allevamento biologico; ha un sapore del tutto differente da quello che si trova in latteria, fresco o a lunga conservazione. Il latte che si trova nel distributore è freschissimo e non trattato (non ha ricevuto pastorizzazione, né trattamenti termici), viene solo raffreddato istantaneamente. È dunque posto in vendita - garantisce Confagricoltura - così come ottenuto dalla mungitura. Il consumatore - fornito di un proprio contenitore di vetro o di plastica riutilizzabile - inserendo una moneta da un euro nella macchinetta distributrice, lo riempie di latte appena munto che, naturalmente, è in linea con tutte le normative igienico sanitarie in materia di vendita allo stato crudo ed è altamente controllato.