La laurea in gastronomia nella rete di «Slow Fish»

Si è parlato davvero di tutto, nella lunga maratona di San Silvestro di RadioUno e della sede Regionale Rai per la Liguria. Di sport, di politica, di famiglia, di amicizia e, naturalmente, di buona tavola. E affontando l’argomento culinario, ad alti livelli di gastronomia, era iniveitabile che si andasse a parlare anche di Slow Fish, il grande salone promosso dalla Regione Liguria e Slow Food, che si terrà alla Fiera internazionale di Genova dal 4 al 7 maggio di quest’anno.
C’era il presidente della Regione Claudio Burlando, quella notte, che, intervistato durante la maratona dal direttore della sede Rai ligure Victor Balestreri, ha colto l’occasione per precisare che «Slow Fish non sarà solo un evento fieristico, ma un momento di confronto sul tema della pesca e del mare e del consumo sostenibile».
E poi la conferma che tutti aspettavano. Burlando, infatti, ricordando l’amicizia personale e della Regione Liguria con il presidente ineternazionale di Slow Food Carlo Petrini, ha ribadito l’impegno della giunta ligure per il 2007 a continuare a lavorare per ospitare una sede dell’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo (Brà) a Genova.
La sede ligure dell’Ateneo piemontese creato e gsetito da Solw Food sarà ai Magazzini dell’Abbondanza, il cinquecentesco deposito di granaglie in via del Molo, nel Porto Antico.
«La sede genovese dell’Università di Pollenzo - ha affermato il presidente Burlando - ospiterà gli studenti che, dopo il triennio in Piemonte conseguiranno a Genova la laurea magistrale».
I corsi potrebbero già prendere il via nei primi mesi del prossimo anno.