Il lauto banchetto dei piccioni di città

Vorrei portare all’attenzione dei lettori del Giornale quello che puntualmente avviene in viale Stelvio nel tratto tra viale Zara e via Lario, più esattamente davanti al portone del magazzino dell’Atm, confinante con i condomini al numero 16, 18 e 20 dello stesso viale Stelvio.
Sono convinto che, a volte, una sola immagine documenti meglio di mille parole quanto avviene nella nostra città: per questo motivo vi invio una fotografia scattata lo scorso 7 novembre alle 10,25 in viale Stelvio.
Come dimostrano i sacchi dell’umido e della plastica fotografati (con lauto banchetto di piccioni e corvi), lo smaltimento dei rifiuti della mensa dell’Atm non avviene certo nel miglior modo possibile: credo che per evitare questo scempio basterebbe una minima organizzazione aziendale e portare i sacchi all’esterno due ore prima del passaggio degli incaricati Amsa.
Questa situazione, a dir poco imbarazzante da tutti i punti di vista (igienico, di decoro e di poca civiltà), si verifica saltuariamente, malgrado le rimostranze già effettuate presso il deposito Atm e presso i Vigili Urbani che erano intervenuti a constatare precedentemente il poco edificante spettacolo visivo. Senza dimenticare che quest’estate, a causa del gran caldo, l’odore nauseante dell’immondizia abbandonata sul ciglio della strada si propagava nell’intero quartiere.