Lavoratori precari, un’assicurazione per la prima casa

C’è tempo fino al prossimo 30 aprile per consegnare le domande necessarie per accedere al bando del Comune per ottenere il mutuo agevolato per la prima casa. La possibilità è riservata a giovani coppie di lavoratori atipici e a tempo determinato, e ha l’obiettivo di andare incontro alle esigenze dei lavoratori temporanei che non possono pagare alcune rate del mutuo a causa della sospensione o perdita involontaria del posto di lavoro. Il Comune ha, così, stanziato un fondo di un milione di euro per garantire la copertura assicurativa durante i periodi di disoccupazione involontaria delle persone alle quali verrà concesso il mutuo.
Le interruzioni di pagamento, fa sapere Palazzo Marino, possono coprire tre diversi periodi della durata massima di sei mesi, per un totale di 18 mesi. Il lavoratore dovrà documentare la perdita dell’impiego e potrà poi sospendere la prima volta il pagamento per un massimo di sei rate mensili consecutive, prolungando automaticamente la durata del mutuo di sei mesi, senza penali o costi aggiuntivi di rinegoziazione. Successive interruzioni dovranno essere necessariamente intervallate da almeno 90 giorni di regolare pagamento.
«Dare maggiori certezze ai lavoratori atipici, aiutandoli a costruire il loro futuro. È l’obiettivo che ci siamo posti con questa iniziativa - spiega l’assessore comunale alle Politiche del lavoro e Occupazione Andrea Mascaretti -. Sostenere le giovani coppie nel rimuovere quei fattori che possono generare precarietà».