Il lavoro più bello del mondo? Il «controllore» della tintarella

Il mondo del lavoro newyorchese ha superato una nuovo frontiera. Dopo i rigattieri sul web, i passeggiatori professionisti di cani e gli organizzatori di feste da ballo a bordo delle limousine stretch, ecco il bagnino che controlla e gestisce la tintarella delle bagnanti in bikini nelle piscine tra i grattacieli di Manhattan. Un buffetto sulla spalla o, meglio, un sms. È questo il segnale che Harrison Anastasio utilizza per avvertire le sue «clienti»: «Per una tintarella perfetta, è l'ora di voltarsi». Lui lavoro nella piscina sul tetto del James New York Hotel, uno dei più chic hotel della trendissima Soho. Gli tocca quindi distribuire e rimettere in ordine i lettini. Ma, all'occorrenza, il ragazzo diciassettenne, degno di «Bay Watch», si trasforma in un addetto della tintarella: lo pagano 15 dollari l'ora per segnalare alle bagnanti che desiderano una abbronzatura regolare quando arriva il momento di girarsi per evitare di scottarsi o per non dimenticare angoli nascosti del corpo. È qui che parte il buffetto o l'sms.
Il Wall Street Journal non ha dubbi. Il 17enne, che tra l’altro studia alla Edward Murrow High School, è un ragazzo fortunato che svolge «il miglior lavoro estivo di New York. Contrariamente a quanto gli suggeriscono i suoi amici, Anastasio è serissimo e non intende approfittare della situazione, ora che possiede il numero dei cellulari di ricche e famose, tra cui star di Hollywood di passaggio a New York. Harrison non ha mai richiamato nessuno, e non intende cedere i numeri a nessuno, a nessun prezzo.