La Lazio acciuffa il pari dopo i sogni del Messina

da Messina

Il Messina non approfitta della giornata no della Lazio che ormai, in trasferta, è la brutta copia di quella all’opera tra le mura amiche. Lotito (contestato all’aeroporto di Catania dai tifosi biancocelesti) dovrà intervenire sul mercato se vorrà raggiungere l’Uefa e non rovinare l’ottimo lavoro fatto finora da Rossi. Stesso discorso per Franza: i tifosi siciliani si aspettavano qualcosa di più da questo mercato di riparazione. Parte bene il Messina con due occasioni per Di Napoli, che pure in condizioni non perfette mette paura a Peruzzi. Al 21’ il gol: punizione di D’Agostino, spiovente in area e panico tra i difensori laziali quando Rafael stacca di testa realizzando il vantaggio. La Lazio fatica a rispondere (solo una traversa di Di Canio). Nella ripresa è sempre il Messina a fare la partita, ma gli uomini di Mutti falliscono diverse occasioni in area capitolina, grazie anche alle parate di Peruzzi. Tutti aspettano il gol dei padroni di casa ma al 33’ la beffa: cross di Keller e Manfredini, lasciato solo in area, insacca di testa.