Lazio, basta con Ballardini. Lotito vuole Reja

Il presidente deciso a cambiare tecnico. La squadra è terz'ultima in classifica. L'ex allenatore del Napoli oggi allena l'Hajduk Spalato e il suo campionato è in pausa. Ma, grazie ad una clausola, si può sganciare

Ballardini è arrivato al capolinea con la Lazio: attende di sapere. Il presidente Lotito sogna Trapattoni (anche se la pista appare poco percorribile), mentre l'ideale sarebbe un tecnico abituato a lottare per la salvezza e con tanta esperienza. Nelle ultime ore è spuntato il nome di Edy Reja (64 anni): «Non posso commentare queste voci-ha detto il tecnico goriziano-. Sono un tesserato dell'Hajduk Spalato.
«Lotito ha grandissimi colpe per la grave situazione di classifica attuale della Lazio». Va giù duro Luciano Moggi commentando la situazione. «Ballardini è un tecnico inadeguato per una squadra che rappresenta una piazza così importante». E la colpa del presidente, secondo l'ex d.g. attualmente squalificato dopo Calciopoli. Ed infatti, dopo il ko casalingo contro il Catania che ha fatto sprofondare la formazione al terz'ultimo posto, il presidente Lotito, forse per la prima volta, sta seriamente pensando di esonerare l'allenatore ravennate.
Sono le ore della svolta. Il distacco tra Ballardini e la società appare netto e Lotito vuole un allenatore abituato a lottare per la salvezza. «Stiamo parlando con la Lazio». A confermare la trattativa tra la Lazio e Edy Reja è Marko Naletilic, agente Fifa attivo sul fronte Italia-Croazia e protagonista dell'arrivo dell'ex tecnico del Napoli sulla panchina dell'Hajduk Spalato la scorsa estate. «Resta ancora un anno e mezzo di contratto con l'Hajduk per Reja -ha precisato Naletelic - Il club croato non lo vuole perdere, ma c'è una clausola nel contratto che potremmo attivare».
Il procuratore ha parlato della situazione di Reja. «A Spalato è intoccabile, ha il rispetto di tutti, è difficile lasciare la squadra in questo momento -spiega-. Il campionato è in pausa e la squadra sta facendo la preparazione. È, tuttavia, innegabile che la Lazio è una grande società». Secondo Naletelic l'aspetto economico non rappresenta un problema. Entro domani si saprà di più, al momento c'è un 50% di possibilità che vada alla Lazio e l'altro 50% che resti all'Hajduk», ha concluso.