Lazio: Lotito e Mezzaroma a giudizio

Sono stati rinviati a giudizio il presidente della Lazio, Claudio Lotito, e l’immobiliarista Roberto Mezzaroma, accusati di aggiotaggio informativo e manipolativo su titoli della Lazio e ostacolo alla vigilanza. Il rinvio a giudizio è stato disposto dal giudice Cristina Di Censo e il processo comincerà il 22 gennaio davanti alla seconda sezione penale. L’inchiesta è nata da una denuncia della Consob e il reato contestato risale alla primavera del 2005, quando Mezzaroma ha comprato un pacchetto pari al 14% di azioni della società sportiva. Secondo l’accusa, sostenuta dal pubblico ministero Laura Pedio, l’acquisto faceva in realtà capo a Lotito che, usando il costruttore come prestanome, avrebbe acquisito in modo occulto una quota della società superiore al 30%, aggirando in tal modo l’obbligo di lanciare un’offerta pubblica d’acquisto.