La Lazio volta pagina: panchina affidata a Reja

Davide Ballardini è stato esonerato. Al suo posto è stato ingaggiato l’ex tecnico
del Napoli Edy Reja. Dopo la sconfitta interna con il Catania il club biancoceleste è entrato in zona retrocessione. Ieri la dura contestazione dei tifosi

Roma - Ventidue punti, terzultimo posto in classifica. La situazione, per la Lazio, non è delle più facili, nonostante il mercato di riparazione e l'arrivo di qualche rinforzo. Dopo l'ultimo flop in campionato arriva, inevitabile, il cambio dell'allenatore. Adesso è ufficiale: Edy Reja è il nuovo tecnico dei biancocelesti. Davide Ballardini è stato esonerato, ed è stato ingaggiato l’ex tecnico del Napoli. L’ufficializzazione è arrivata con un comunicato pubblicato sul sito internet della società.

Terzultimi in classifica La Lazio, che quest’anno ha vinto solo quattro partite e segnato appena 17 gol in 23 incontri, è entrata per la prima volta domenica scorsa in zona retrocessione, a causa della sconfitta interna con il Catania e la concomitante vittoria dell’Udinese sul Napoli.

Protesta dei tifosi Nella giornata di ieri, poi, i tifosi hanno violentemente contestato la società davanti al centro sportivo di Formello, temendo una inopinata retrocessione.

Il nuovo tecnico Reja ha rescisso il suo contratto con i croati dell’Hajduk Spalato, dove allenava dopo essere stato esonerato dal Napoli lo scorso marzo. Il tecnico 64enne aveva guidato i partenopei fino alla zona Uefa, dopo essere partito dalla serie C. Ballardini, invece, era al primo anno sulla panchina dei biancocelesti, dopo una positiva esperienza al Palermo, ma ha vissuto fin da subito una stagione difficile, anche per via della querelle legale con giocatori importanti come Goran Pandev e Cristian Ledesma.