Il Lazzaretto, Manzoni e i Cappuccini

Da oggi a domenica si svolge la terza edizione dell'iniziativa «Insieme a San Francesco oggi», in occasione delle celebrazioni per la festività del santo, promossa da Opera San Francesco per i Poveri in collaborazione con il Museo dei Beni Culturali Cappuccini di Milano. Due mostre fotografiche, una conferenza e letture da I Promessi Sposi sono gli ingredienti di una particolare attività di riscoperta di un luogo, il lazzaretto, distrutto all'inizio del secolo scorso per far spazio alla città, di cui resta solo la cappella e a cui sono legate memorie storiche che grazie al Manzoni sono patrimonio di tutti. Partendo da luoghi carichi di storia come la piccola chiesa di San Carlo al Lazzaretto, più nota come San Carlino, si ripercorreranno i passaggi storici della presenza dei frati cappuccini a Milano, della loro attività assistenziale trasversale a epoche e ai luoghi. Si riscoprirà, in particolare, la storia della zona di Porta Orientale (l'odierna Porta Venezia), dove sorgeva il convento citato dal Manzoni (distrutto in epoca napoleonica) e il Lazzaretto. Questo percorso sarà possibile anche attraverso la rilettura di diversi brani del romanzo. Oggi alle ore 18 inaugurerà la mostra «I Cappuccini nel Lazzaretto di Porta Orientale», nella Chiesa di San Carlo al Lazzaretto (Largo Bellintani 1). Il poeta e scrittore Davide Rondoni leggerà e commenterà brani tratti da I Promessi Sposi , mentre Rosa Giorgi, storica dell'arte e direttrice del Museo dei Beni Culturali Cappuccini, illustrerà la storia del Lazzaretto di Porta Orientale.