Via Lecco, Penati getta benzina sul fuoco

I rifugiati di via Lecco hanno passato la notte al piano terra di Palazzo Isimbardi. E a Palazzo Marino crea sbigottimento l’azione del presidente della Provincia, che si è inserito nelle trattative prima con l’offerta della scuola di via Saponaro, di proprietà del Comune, poi con l’ospitalità dei 178 immigrati nella sede via Vivaio. Ed è lì che si conclude la marcia degli sfollati iniziata dalla sede della Protezione civile di via Barzaghi dopo la rottura delle trattative. Don Colmegna spiega di essere stato lui a spingere: «Sosteniamo la scelta così come quella della scuola». Da Palazzo Marino le reazioni sono incredule: «È pazzesco fin dove arriva la demagogia» dice l’assessore ai Servizi sociali, Tiziana Maiolo. «Tutto dimostra che è un’operazione politica: hanno rifiutato prefabbricati, appartamenti con piscina a Gallarate, i posti in viale Ortles. Gli abbiamo offerto 500 letti, hanno preferito andare a dormire sulle sedie». Il vicesindaco, Riccardo De Corato, lancia la sfida: «Penati è libero di ospitare chi vuole. Così i milanesi capiranno chi è dalla parte della legalità e chi no e capiranno chi da quaranta giorni sfrutta questi immigrati per fare campagna elettorale».