L'economia giapponese sprofonda: pil -12,7%

L’economia giapponese è
precipitata nell’ultimo trimestre del 2008 a livelli che non
conosceva da decenni. Il ministro dell’Ecomomia: "E' la crisi peggiore
dalla fine della II guerra Mondiale"

Tokyo - L’economia giapponese è precipitata nell’ultimo trimestre del 2008 a livelli che non conosceva da decenni. Tanto che il ministro dell’ecomomia, Kaoru Yosano, definisce la crisi economica come la peggiore dalla fine della II guerra Mondiale.

Il Giappone sprofonda L’allarme di Yosano è arrivato a commento della pubblicazione degli ultimi dati sul Pil nipponico, che nel trimestre ottobre/dicembre 2008, ha ceduto il 12,7 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Con questi dati la seconda economia mondiale sprofonda nella recessione: è il terzo trimestre consecutivo in cui il Pil cede terreno in termini reali, uno smottamento che non succedeva da sette anni. Tra aprile e giugno, il Pil aveva registrato infatti una contrazione del 3 per cento, mentre tra luglio e settembre dello 0,4 per cento. In tutto il 2008, l’economia nipponica ha ceduto lo 0,7 per cento, per la prima volta in nove anni. Nel quarto trimestre il pil cala del 3,3% su base trimestrale. Gli analisti si aspettano un altro calo almeno del 10% nel primo trimestre di quest’anno. nei tre mesi da ottobre a dicembre le esoportazioni sono affondate del 13,9% rispetto al precedente trimestre, a causa della crisi globale e dei forti tagli alla produzione delle aziende nipponiche. Giù del 5,3% gli investimenti delle imprese, mentre la spesa immobiliare è calata dello 0,4%.

Il piano del governo Il governo giapponese e le forze della maggioranza, Ldp-New Komeito, si preparano a lanciare una manovra supplementare per l’economia. Si tratterebbe di potenziali 20mila miliardi di yen, pari a quasi 170 miliardi di euro, secondo la stampa giapponese. L’obiettivo sarebbe di mettere a punto un pacchetto, il quarto in pochi mesi dopo quelli di agosto,ottobre e dicembre,prima del vertice del G20 in programma il 2 aprile a Londra,a favore dell’economia, precipitata in una profonda recessione. "Al momento è importante mettere in atto il pacchetto da 75 trilioni di yen, pari a 817 miliardi di dollari - ha spiegato il viceministro delle Finanze, Kazuyuki Sugimoto - e cercare di approvare al più presto la legge di bilancio e i decreti correlati".