Lega, giro di vite contro il burqa: arresto e multa

Il Carroccio presenta alla Camera la proposta di legge per vietare burqa e nijab: arresto in flagranza, reclusione fino a
2 anni e una multa fino a 2mila euro. Cota: "La legge deve essere uguale per tutti". Ma il Pd insorge: "La norma è incostituzionale"

Roma - Arresto in flagranza, reclusione fino a 2 anni e una multa fino a 2mila euro. Tanto rischierà chi "in ragione della propria affiliazione religiosa" indosserà in pubblico indumenti che rendono "impossibile o difficoltoso il riconoscimento", se sarà approvata la proposta di legge presentata alla Camera dal gruppo della Lega Nord. Il testo di fatto chiede di vietare l’uso di burqa e nijab, ma senza menzionarli esplicitamente come invece fa la proposta a firma Souad Sbai già all’esame della commissione Affari costituzionali.

Vietati burqa e nijab Un aggiunta di tre righe alla legge del 1975 "in materia di tutela dell’ordine pubblico ed identificabilità delle persone", che vieta espressamente l’uso di "qualsiasi mezzo che non renda visibile l’intero volto, in luogo pubblico o aperto al pubblico, inclusi gli indumenti indossati in ragione della propria affiliazione religiosa". Se la proposta presentata oggi alla Camera dalla Lega dovesse diventare legge, chi indossasse in pubblico il burqa o il nijab rischierà l’arresto da uno a due anni. La legge in vigore vieta l’uso di mezzi atti a rendere difficoltoso il riconoscimento, "senza giustificato motivo". Finora, "giustificato motivo"veniva considerata anche l’osservanza di tradizioni religiose. Proprio per questo la Lega propone l’eliminazione della clausola: "E' stata usata da diversi prefetti per annullare ordinanze fatte dai nostri sindaci" per vietare l’uso del burqa, spiega Carolina Lussana. Che a scanso d’equivoci chiarisce: "Tra la tutela della libertà religiosa e la tutela della sicurezza dei cittadini, per noi la priorità è la sicurezza". Fallita la via delle ordinanze dei sindaci, dunque, ora la Lega ci prova per via legislativa, e chiede "pari diritti per tutti i cittadini", sostiene Roberto Cota: "Non siamo razzisti, non abbiamo niente contro i musulmani, ma la legge deve essere uguale per tutti. La nostra proposta è assolutamente generale, come deve essere una legge". Tanto generale che potrebbe essere a rischio il Carnevale? No, assicurano i leghisti, c’è "un regio Decreto del 1931" che chiarisce la questione.

Il Pd: "Norma incostituzionale" "E' una norma incostituzionale che lede la libertà religiosa e sono del tutto strumentali i richiami all'ordine pubblico. La verità è che si vuole colpire gli immigrati islamici nel loro intimo". Così la capogruppo del Pd nella commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti, commenta la proposta di legge: "Come può una legge parlare di affiliazione religiosa? Le suore sarebbero affiliate? Ma stiamo scherzando? E poi: come si può pensare di modificare una cultura con una norma?". "L’unico effetto dell’entrata in vigore di questa legge - fa notare la Ferranti - sarebbe quello di segregare in casa le donne islamiche. È una legge cattiva contro gli immigrati, ma soprattutto è una legge razzista e una legge contro le donne".