La Lega: «Non chiudere i mercati coperti»

Posti di lavoro a rischio nei mercati comunali coperti a cominciare da quello di viale Monza per cui il Comune non rinnoverà le concessioni in scadenza a fine anno. Ma la Lega promette battaglia. Il capogruppo Matteo Salvini ha presentato ieri un’interrogazione urgente all’assessore al Commercio Franco D’Alfonso per «avere spiegazioni sulla fine che faranno». Perché, secondo Salvini, «a differenza di quanto precedentemente comunicato, parrebbe continuare l’opera di smantellamento e trasformazione». In allegato la lettera ricevuta dagli operatori «preoccupati per il futuro loro» e per il destino di un punto di riferimento commerciale per l’intero quartiere. Intestata al Settore attività commerciali, Servizio mercati coperti, vi si legge che «in particolare il mercato “Monza” nel corso degli ultimi anni ha pesantemente risentito in termini negativi del mutato quadro demografico e sociale della zona che hanno fatto venir meno i presupposti di sostenibilità economica dei punti vendita tradizionali». Di qui, si legge, la necessità di «procedere alla trasformazione del Mercato Monza in un “Mercato tipicizzato”». A seguire la comunicazione che «la concessione in scadenza il 31/12/2011 non verrà rinnovata» e l’invito a indicare altra preferenza in altro Mercato. «Ostacolammo il processo di “svendita” della scorsa amministrazione - assicura Salvini -, siamo pronti a tornare a batterci (al fianco dei lavoratori e dei residenti dei quartieri) per salvare un patrimonio non solo commerciale della città».
L’assessorato, intanto, annuncia la nuova strategia partendo dal mercato coperto QT8 che sarà interamente dedicato ai prodotti a filiera corta e km zero. Approvato dalla giunta il bando pubblico d’assegnazione dell’immobile di via Isernia 5 per la realizzazione di una nuova struttura interamente dedicata all’agroalimentare. «Questo progetto di riqualificazione commerciale - spiega D’alfonso - è il primo passo di una più ampia strategia di sviluppo mercatale adeguata ai nuovi stili di vita e ai tempi della nostra città. Una strategia che consentirà di dar vita a mercati in cui viene esercitata una vendita tipicizzata». Per QT8 concessione di 15 anni a un canone annuo non inferiore a 103.500 euro.