La Lega: "Non sosterremo mai il governo Né in modo aperto né in modo mascherato"

L'ex ministro Maroni interviene in merito alle ricostruzioni di alcuni giornali, che avaveano parlato di un possibile sostegno del Carroccio all'esecutivo. Sulla riforma elettorale è perentorio: "Si può fare in un anno, se c'è l'accordo"

Roma – “Ho letto stamattina delle stravaganti ricostruzioni secondo cui saremmo disponibili a sostenere il governo Prodi: si tratta di stupidaggini. Non lo faremo né ora né mai, né in modo aperto, né in modo mascherato”. Lo afferma il capogruppo della Lega Nord a Montecitorio, Roberto Maroni sottolineando ancora una volta che solo il Carroccio, all'epoca della crisi di governo chiese a Napolitano di andare al voto subito. “Rimaniamo di quella idea, e cioè che prima Prodi cade meglio è. Detto questo meglio Prodi che il governo istituzionale o guidato da qualche fenomeno o presunto tale. È ovvio che per il governo - aggiunge Maroni - più si va in là meglio è. Noi semplicemente crediamo che se c'è l'accordo tra tutti sulle riforme allora si può fare tutto in 10-12 mesi al massimo. Altrimenti, pazienza”. L’ex ministro del Welfare si è anche soffermato sulla riforma elettorale: “Se Forza Italia o An, ma ciò vale anche per Ds e Margherita, sono contrari, la nuova legge elettorale non si fa”.