La Lega: «Più spazio ai comuni lombardi»

«Bisogna coinvolgere anche i Comuni». Il capodelegazione della Lega in Regione e assessore, Davide Boni, interviene sull’affaire Expo. È giusto, sostiene, «pensare ai grandi progetti per cogliere pienamente le opportunità concesse dall’evento mondiale e accelerare quei procedimenti a livello istituzionale che possono consentire a Milano di pianificare al meglio gli interventi da attuare, non solo a livello urbanistico e infrastrutturale, ma anche culturale e storico». Senza adeguati fondi a disposizione «è impossibile migliorare l’accessibilità del territorio». Malpensa «sarà proprio l’infrastruttura su cui puntare - continua Boni - nonostante qualcuno veda ancora nella battaglia che il nord sta portando avanti per la sua difesa, l’ennesima azione politica, puramente campanilistica e ideologica». Nell’organizzazione di Expo 2015 però, conclude il capodelegazione del Carroccio, «dobbiamo trovare il modo di coinvolgere maggiormente i comuni lombardi ubicati nella zona attorno al polo fieristico, perché attraverso il loro contributo è possibile fare emergere non solo le criticità ma anche una serie di proposte interessanti affinché Milano e la Lombardia sappiano strutturare positivamente questo avvenimento».