La Lega rinvia il presidio davanti ai cancelli

«Consideriamo inaccettabili - si legge in una nota della segreteria provinciale della Lega - le parole di chi accusa le autorità che hanno chiuso una scuola “fuorilegge” di essere complici di quella che in realtà è stata una tragica fatalità». La morte del piccolo Samir, fanno sapere dalla Lega, sarebbe stata «agevolata semmai dall’irresponsabile atteggiamento dei genitori che tengono i bambini in ostaggio su un marciapiede, anziché consentire loro di frequentare una scuola vera».
«La Lega ha rinviato la manifestazione per invitare tutti a “dialogo e responsabilità” - dicono il senatore dei Verdi, Fiorello Cortiana, e il capogruppo in consiglio regionale Carlo Monguzzi -. Lunedì mattina, alle 10,30, saremo presenti distribuendo ramoscelli di ulivo e con un cartello che ribadisce l’invito in tre lingue: italiano, milanese e arabo». Oggi, intanto, Rifondazione comunista sarà in via Quaranta per incontrare i responsabili dell’istituto.