È l'egiziano El-Hadary il calciatore più vecchio dei Mondiali

A 45 anni e 161 giorni, il portiere dell'Egitto Essam El-Hadary è diventato il calciatore più anziano della storia della Coppa del Mondo. Il record apparteneva al colombiano Feryd Mondragon, che scese in campo nel 2014 a 43 anni e 3 giorni

Gli rimaneva soltanto un'ultima chance per battere il record di Mondragon: giocare con il suo Egitto l'ultima partita della fase a gironi contro l'Arabia Saudita. Lo ha fatto. A 45 anni e 161 giorni, il portiere egiziano Essam El-Hadary è il calciatore più anziano ad avere mai giocato una partita dei Mondiali di calcio. Il primato precedente apparteneva a un altro portiere, il colombiano Faryd Mondragon, sceso in campo nel 2014 a 43 anni e 3 giorni. Un record in apparenza imbattibile, caduto però dopo soli quattro anni.

Nei giorni precedenti all'inizio dei Mondiali di Russia 2018, tra i numeri più interessanti della manifestazione c'era il 45. 45 come gli anni di Essam El-Hadary, a cui aggiungere 150 giorni. Giorni che il 25 giugno sono diventati 161, in una corsa che si è fermata nel momento in cui il c.t. egiziano Hector Cuper ha deciso di regalargli l'opportunità di entrare nella storia. Mai nessuno, infatti, era riuscito a guadagnare il campo a 45 anni nella manifestazione sportiva per eccellenza. Ce l'ha fatta El-Hadary, che ha atteso con pazienza il suo turno. Dopo avere assistito dalla panchina alle sconfitte del suo Egitto contro Uruguay e Russia, ha indossato i guantoni contro l'Arabia Saudita. Una partita inutile per la classifica del girone, ma fondamentale per la storia del calcio. In cui El-Hadary è entrato di diritto.

El-Hadary, che contro i sauditi si è levato la soddisfazione di parare anche un calcio di rigore, è diventato così uno degli uomini simbolo del Mondiale e dei Mondiali. Niente da fare per Mondragon, che a Brasile 2014 era sceso in campo per 5 minuti giusto per passare alla storia, scalzando dal primo posto di questa speciale classifica il leggendario attaccante camerunense Roger Milla, che rimane il calciatore di movimento più anziano di sempre ad avere calcato i campi della Coppa del Mondo all'età di 42 anni e un mese. E gli italiani? Il più vecchio è stato il numero 1 per eccellenza, Dino Zoff: 40 anni e 133 giorni il 12 luglio 1982.