Lehman e Fitch tagliano i rating e Mps cede il 3%

Banca Monte Paschi Siena (Mps) soffre in Borsa e scende in fondo allo Spmib, cedendo il 3,03% a 1,94 euro. Ad influenzare il cattivo andamento del titolo della più antica banca italiana è stata la revisione al ribasso del giudizio da parte di Lehman Brothers che lo declassa da «overweight» a «equal weight» e taglia contemporaneamente il target price a 2 euro da 4,1, affermando inoltre di preferire a Mps altri competitors come Intesa Sanpaolo ed Unicredit. Anche l’agenzia di valutazione Fitch ha ridotto il target ad «A» dal precedente «A+», a seguito dell’acquisto di Antonveneta da parte dell’istituto senese. Intanto, arriva il netto no all’ introduzione della figura dell’amministratore delegato da parte dei sindacati della Banca Monte Paschi, Fabi, Fiba Cisl, Fisac Cgil, Silcea e Uilca