Lehman: «Torneremo a vincere»

da Dublino

L'Europa trionfa per la terza volta consecutiva in Ryder Cup, ma per Tom Lehman gli Stati Uniti in futuro sapranno reagire e prendersi una rivincita.
Il capitano della selezione americana (uscita dalla sfida del K Club di Straffan, in Eire, con un pesantissimo 18,5-9,5) ha motivato il suo ottimismo con la presenza di «giocatori di grandissimo talento» nell'US Pga Tour: «Ogni cosa va per cicli», ha spiegato Lehman, «e verrà il momento in cui noi diremo che gli europei sono nei guai perché gli States saranno davanti. Noi siamo arrivati qui estremamente preparati, prontissimi a combattere e motivati. Con uno scopo chiaro. Eravamo pronti a fare tutto quello che serve quando si gioca ai massimi livelli, ma ora dobbiamo parlarne per capire cosa può essere migliorato. Dobbiamo chiederci il motivo». Lehman ha elogiato la prestazione dell'Europa: «Intorno ai green sono stati assolutamente magici, quando va così c'è poco da fare», ha detto il capitano statunitense. «Veramente, sono stati eccezionali».
Forte comunque la delusione dei 10mila americani presenti a Dublino, fra i quali George Bush sr, Bill Clinton, Robert Redford, Johnny Depp e Michael Jordan.