Lella, i salotti e Fausto

La sora Lella, la moglie di Fausto Bertinotti, torna in campo. E sceglie la platea del settimanale Chi (in edicola oggi) per un’intervista a tutto campo. «Fausto – rivela la signora Lella – aveva deciso di smettere, non voleva candidarsi. Invece è stato costretto. Ha accettato per senso del dovere. “Se non lo faccio non potrò guardarmi allo specchio”, mi disse. Io ero contraria, e per protesta, per la prima volta, non ho partecipato alla campagna elettorale». Lella Bertinotti se la prende col «generone di centrosinistra»: «Io e Fausto siamo stati descritti come due mondani. In 23 anni siamo andati due volte a casa di Maria Angiolillo. Abbiamo passato molto più tempo davanti alle fabbriche e alle miniere».