Leno e Letterman, eterni rivali Ma la regina è Oprah Winfrey

In America ogni sera la battaglia del talk show si combatte tra Jay e David

Jay Leno è quello che gli sta più simpatico. Sarà perché lavorano tutti e due a Los Angeles oppure perché tre giorni fa lo ha chiamato in trasmissione per rendergli omaggio. Dietro Larry King, l'America del talk show ha facce e nomi conosciuti. Diversi da lui: Leno e David Letterman hanno preso l'infotainment di King e l'hanno spostato sempre più verso lo show. Lui chiede, ascolta, informa; gli altri chiedono e informano per far sorridere. La concorrenza è forte. Stili diversi, ma orari simili: Cnn, Nbc, Cbs. Vince quasi sempre chi offre di più. C'è rispetto e a volte invidia. King è un mondo a sé: infastidisce Leno e Letterman perché è un mito intramontabile. C'è e si vede, c'è e basta alla gente.
La vera battaglia è tra i due Late Show. Ovvero tra Jay e David. E quindi tra Nbc e Cbs. Avevano cominciato da posti diversi per diventare gli eredi di Johnny Carson, l'inventore dello one man show, del monologo semiserio, dell'informazione trasformata in spettacolo. Leno era un comico solitario, recitava nei locali e nei night. Di Carson fu ospite più volte, al The Tonight Show. Letterman, invece, aveva esordito con le previsioni del tempo, in una piccola emittente di Indianapolis. Arrivò per primo alla tv di intrattenimento: doveva essere lui il successore di Carson. Aveva già una buona fama, nel 1992, quando Johnny si ritirò. Letterman, però, firmò un accordo con la Cbs, dando vita alla eterna rivalità tra il suo programma e quello di Leno. Perché a quel punto la Nbc scelse proprio Jay per il The Tonight Show. Da allora non c'è serata in cui l'audience non sia diviso. Testa a testa e per il resto tutti a osservare la regina assoluta: Oprah Winfrey. Ha creato il suo Angel Network: il suo show va in onda in diversi orari e su diversi canali. Padrona di mezza televisione. Da lei gli ospiti contano poco, conta lei che parla più degli altri e meglio degli altri. Ha un patrimonio di un miliardo e mezzo di dollari.