Leonardo accarezza gli esclusi rossoneri Borriello rischia San Siro, si scalda Inzaghi

Milanello Leonardo è tranquillo, col Marsiglia vuole continuare a vincere per non perdere le belle abitudini raggiunte in campionato. Rientra Nesta, non sembra invece potercela fare Borriello (continua ad accusare il problemino al ginocchio sinistro, ma proverà comunque prima della gara, anche se è probabile la partenza di Inzaghi come titolare), che ha dimostrato di integrarsi bene col trio delle meraviglie Seedorf-Pato-Ronaldinho. Ma è agli esclusi che Leonardo si rivolge: «Inzaghi? Le spiegazioni vengono da sole, io cerco sempre di parlare con i giocatori e di spiegare le mie scelte. All’interno sono tranquillissimo con il gruppo, non solo con Pippo, ma con tutti. Gli equilibri non sono mai facili, ma mi sentro sereno sul piano dei rapporti». E su Gattuso che mal digerisce la panchina e vorrebbe andarsene: «Oggi è infortunato e l’augurio è che recuperi presto. Il suo problema, se c’è, verrà affrontato nei tempi giusti. Rino ha un ottimo rapporto con me e la società, qualsiasi cosa ci sia da affrontare non è e non sarà mai un vero problema». E su Seedorf, per il quale si prospetta il ritorno nella nazionale olandese: «Per quanto riguarda i ruoli chiave della squadra e i giocatori che fanno la differenza c’è sempre discussione. Clarence è un maestro nel saper tenere altissimo il livello di concentrazione, attenzione e sicurezza e per questo è sempre in grado di essere determinante. L’Olanda? Sono successe strane cose, come anche nel Brasile con Thiago Silva convocato mentre Pato e Ronaldinho sono stati stranamente lasciati a casa».