Leonka «legalizzato», bufera in Comune

Il Leoncavallo «legalizzato» mette in crisi la maggioranza a Palazzo Marino. È polemica dopo la proposta da parte del Comune di offrire sostegno al centro sociale di via Watteau da anni al centro di discussioni, proteste e contestazioni. Le posizioni più intransigenti sono quelle di Alleanza nazionale e della Lega Nord, secondo le quali i leoncavallini dovrebbero andarsene. Più possibilista invece Forza Italia. Per l’assessore Giovanni Terzi infatti una Fondazione privata potrebbe aiutare a risolvere la situazione, riportando ordine e legalità. Intanto, continua l’odissea legale dei proprietari dell’edificio che aspettano lo sgombero da 13 anni.