Letta: "Finanziaria da undici miliardi, sgravi per Ires e Irap"

&quot;Rispettiamo l'impegno preso l'anno scorso&quot;. <a href="/a.pic1?ID=209424" target="_blank"><strong>Ma la &quot;Cosa Rossa&quot; incalza Prodi</strong></a>. Welfare, tutto rinviato. Mastella: se non passa in parlamento <a href="/a.pic1?ID=209404"><strong><font color="#ff6600">l'Unione è morta</font></strong></a>. Fini: <strong><a href="/a.pic1?ID=209415">modifiche su fisco e sicurezza</a></strong>

Roma - La legge Finanziaria 2008 sarà da 11 miliardi e la manovra sarà in parte anticipata con un decreto legge da 7,5 miliardi di cui sta discutendo il Consiglio dei ministri. Lo ha detto il sottesegretario alla presidenza del Consiglio, Enrico Letta, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi. Già nelll’anno in corso ci sarà una redistribuzione di reddito a favore delle famiglie più povere. Nella Finanziaria sono previsti la semplificazione fiscale per le imprese che riguarderà sia l’Ires che l’Irap. La Finanziaria salderà anche i debiti con alcuni organismi internazionali a partire dagli impegni assunti dalla cooperazione allo sviluppo italiana. Letta ha anche annunciato che il collegato sul Welfare sarà approvato da un apposito Consiglio dei ministri il 12 ottobre. Con molta enfasi Letta ha aggiunto che la manovra contiene "cento buone notizie" per l’Italia. Notizie che riguardano «la redistribuzione sociale, gli ultimi del Paese, le imprese, lo sviluppo, la ricerca e l’innovazione». Tutti obiettivi per consolidare la crescita, ha aggiunto. Si tratta di una riduzione fiscale che arriverà «già alla fine di quest’anno per la parte più debole del Paese». Poi gli aiuti fiscali, ha aggiunto Letta, «ci saranno anche nel 2008». Nella manovra arriverà anche, ha confermato il sottosegretario, una semplificazione fiscale per le imprese.

Il provvedimento Da una parte il calo dell'Ici, che può arrivare fino al 200 euro, dall'altro lo sconto per gli affittuari. Per i piccoli lavoratori autonomi arriva invece una tassa forfait del 20% che assorbe anche Irap e Iva. Ci sono poi le misure di contenimento della spesa, come la riduzione degli statali (5%) che diventa del 10% per i dirigenti al top. Ecco una scheda con le misure principali contenute nella Finanziaria, nel testo che è arrivato sul tavolo del Cdm.
Calo Ici Per l'abitazione principale è prevista un'ulteriore detrazione pari all'1,33 per mille della base imponibile (che somma a quella già esistente). Lo sconto non comunque essere superiore a 200 euro. La minor imposta "sarà rimborsata con oneri a carico dello Stato ai singoli comuni".
Sconto affitti Arriva uno sconto di 300 euro a valere sull'Irpef per gli affittuari con un reddito sotto 15.493,71 euro. Scende a 150 euro per chi guadagna fino a 30.987,34 euro.
Slitta il collegato sul welfare Il collegato sul welfare slitterà a metà ottobre per attendere il risultato del referendum promosso dai sindacati tra i lavoratori.
200 milioni per non autosufficienti La finanziaria prevede un intervento da 200 milioni in favore dei non autosufficienti. - GIU' Tasse a imprese L'Irap scenderà al 3,9 e l'Ires sarà abbattuta di 5 punti, dal 33 al 28%.
Bonus ristrutturazioni Il bonus del 36% per i lavori di ristrutturazioni edilizia potrà essere utilizzato anche nei prossimi tre anni.
Forfait 20% per i piccoli I lavoratori marginali con un fatturato annuo sotto i 30.000 euro pagheranno solo un forfait con un'aliquota al 20%.
Contratti pubblici La Finanziaria prevede per il rinnovo dei contratti pubblici in scadenza a fine 2007 solo le risorse per l'indennità di vacanza contrattuale. Per il prossimo biennio infatti sono previsti oneri a carico del bilancio statale per 240 milioni per il 2008 e 355 per il 2009 (per una platea di circa 1,5 milioni di persone). Per il personale statale in regime di diritto pubblico (come le forze armate) la bozza sono previsti per il 2008 oneri per 117 milioni.
Tagli ai ministeri Gli organici dei ministeri, degli enti autonomi dovrà essere ridotto del 5% e il taglio dei dirigenti di prima fascia dovrà arrivare al 10%.
Pubblica amministrazione: no ai precari Le pubbliche amministrazioni potranno assumere "esclusivamente con contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato". Inoltre non potranno avvalersi di forme di contratto flessibile - leggi precari - per non più di tre mesi. Nel complesso i precari non possono lavorare per la Pa per più di 2 anni.
Assunzioni, deroga per Entrate, dogane e Finanza Deroga per nuove assunzioni all'agenzia delle Entrate, Dogane e Gdf.
Taglio agli affitti pubblici Il Governo punta a risparmiare almeno il 10% della spesa per la manutenzione e l'affitto di immobili pubblici con un taglio ai ministeri interessati che in tre anni (2008-2010) porterebbe ad un risparmio di 290 milioni.
Pubblica amministrazione: solo telefono Internet Le amministrazioni centrali sono tenute, dal prossimo gennaio, a utilizzare i servizi voce tramite protocollo internet, cioè' le cosiddette telefonate Voip, previste dal sistema pubblico di connettività.
Senza bilancio, comuni sciolti Se il consiglio comunale non approva il bilancio sarà sciolto.
Prestito sanitario alle Regioni Prestito da 9,1 miliardi a 4 regioni per risanare i debiti sanitari. In particolare in attuazione degli accordi sottoscritti tra lo Stato e le Regioni Lazio, Campania, Molise e Sicilia con i quali le regioni interessate si obbligano al risanamento strutturale dei relativi servizi sanitari regionali". Se le regioni non rispetteranno i piani di rientro stabiliti con il Governo per il sistema sanitario rischiano il commissariamento.
Farmaci: aumenta il tetto di spesa, 2008 al 14,4% Dal 2008 cambierà il tetto per la spesa farmaceutica e l'onere a carico del Servizio sanitario nazionale per l'assistenza farmaceutica territoriale non potrà superare il 14,4% sul totale della spesa sanitaria complessiva contro il 13% attuale.
Farmaci dei deceduti Per risparmiare si punta a riciclare anche i farmaci non utilizzati di pazienti deceduti. E' quanto prevede una delle norme che combatte l'uso improprio dei farmaci ma che punta anche al recupero delle confezioni inutilizzate dai pazienti all'interno della stessa asl o residenza sanitari.
Edilizia popolare: 550 milioni Arrivano 550 milioni per un piano straordinario di edilizia popolare.
Fondi Anas e Ferrovie Stanziamento di 1,035 miliardi per Ferrovie e di 215 milioni per Anas.Trasporti
Trasporti per Roma, Milano e Napoli 500 milioni per la città di Roma (trasporto metropolitano). 150 milioni sono previsti poi per Napoli e altrettanti per Milano.
5 per mille Arrivano altri 150 milioni nel 2007 per integrare i fondi del 5 per mille.
Editoria: taglio del 7% Dal 2008 le agevolazioni tariffarie postali per l'editoria subiranno una riduzione e i contributi diretti (2007-2008) verranno tagliati del 7%.
Lsu Calabria e Mose Venezia Ulteriori risorse sono stanziate per il Mose di Venezia. Si tratta di 190 milioni per il 2007 per il proseguimento dei lavori. Per la stabilizzazione degli lSU della Calabria si prevede una spesa di 60 milioni.
Tagli alla giustizia militare Vengono tagliati gli organici della giustizia militare.