Lettera intimidatoria a consigliere azzurro

A un anno dal ritrovamento nella cassetta postale di una lettera intimidatoria con su scritto «Calma in consiglio» accompagnata con alcuni proiettili di pistola, al consigliere comunale di FI di Ardea Luca Fanco ne è arrivata un’altra: «Lascia stare i santi. Un pilastro in cemento sarà la tua casa!». Il consigliere ha subito consegnato la lettera ai carabinieri della stazione di Ardea e ha presentato una denuncia contro ignoti. «Questa nuova lettera - dice Fanco, non mi intimorisce e mi conferma che sto percorrendo la strada giusta. Sarà un incentivo alla mia lotta contro quel sistema politico che regna ad Ardea da sempre e che è causa dell’assenza totale di opere, servizi e progresso. Continuerò senza timore e con la stessa passione e fermezza affinché si cambi mentalità continuando a vigilare sull’operato del Comune, denunciando all’autorità giudiziaria quanto ritenuto torbido e illegale. Coincidenza vuole che le due lettere intimidatorie mi siano state recapitate in quei giorni in cui ho dimostrato di non aver timore di affrontare taluni personaggi a viso aperto, guardandoli negli occhi perché con la coscienza cristallina».