La lettera di Zaia: "L'Europa ha perso el bon senso"

L'è tante robe de sta Europa che le me fa inrabiar e ieri ne ho trovà n'altra: se te vende pes e te scrive el nome in dialeto sul to bancon i te dà la multa<br />

L'è tante robe de sta Europa che le me fa inrabiar e ieri ne ho trovà n'altra: se te vende pes e te scrive el nome in dialeto sul to bancon i te dà la multa. A l'Europa, a sta Europa dominada da burocrati e da gente che la ha pers el bon senso, le lengue materne no le ghe piase masa. Cussì sucede a Trieste come a Treviso, anca a Rimini o a Barletta, par no parlar de Lampedusa e dell'Argentario, che quando to mare, to femena le va a far la spesa, le deve desmentegarse da dove che le vien e che storia che le ha e comprar come che i vol «lor signori».

Naturalmente, a la mancanza de bon senso, a Bruxelles se donta, e forse i ghe mete el so peso, la orbesia dei burocrati de Roma. E sicome la vita l'è come el biliardo e el filotto l'è na regola sovrana, a controlar che le robe da mati euro-nazional-burocratiche le sie scoltade in tut e par tut, i se mete anca i gendarmi. Ve ricordeo quando Zaia no l'era ministro e i forestai i andea drioghe ai nostri veci in pension che i dea na man in tel periodo dea vendema? Son drio imaginarme le stese scene in te i marcà del pes, in tant che quel che el vende el ghe parla in dialeto a la casalinga che la compra, le là l'occhiuto gendarme che el ghe dà la caccia al tochet de carta dove el perfido secesionista l'ha osà scriver in dialeto co un geset de alteza che no risponde a l'alteza prevista da la lege. Son convinto che, par fortuna, tute ste robe le se drio portar la question de la lengua materna su le prime pagine dei giornai, e no pose che ringraziar il Giornale de Feltri che, co far rivoluzionario, el dà spazio a noialtri che ancora osen pensar, parlar e parfin scriver in te la nostra lengua mare, che no l'è el talian. Senza badar al fato che saver davero cosa che l'è el talian no le question cussì fazile (quel de la television, quel parlà in Toscana, quel de la Crusca, vali a capir ti i burocrati cosa che i domandarà vanti la fine), me domande quala che la sia la ragion de tant accanimento. St'està ho provà a meter la domanda in modo garbato e co qualche ricordo de studi. Son stat cuert da na montagna de parole, a dir el vero a volte poc civili, altre volte ignoranti.

A ogni modo me son fat na idea: stacar i crocefissi da le aule de le scole, cancelar el presepio dai asili, darne da magnar quele schifezze tute compagne da Shanghai a la Garfagnana, le è tute robe che le rapresenta el fruto de un steso disegno, che l'ha le radiz in te un neoautoritarismo par el cual, se no te la pensa come mi, te va cancelà da la storia. Sì, me vien in mento Orwell. Esiste un solche modo par resister: continuar a far la spesa in dialeto, ricordarse che sen cristiani, comprar verdure de stajon dal contadin del camp daren casa. In tant vae ad Assisi, dove vicin a Giotto, in tel cuor dell'Umbria, sote a un pin che el riva dai bosch de quele montagne, darò el meo bon nadal personal a tutti i frati del convento, che i me ha invità, ai cittadini, che i vol sentir el ministro come un de lori, e anca a la burocrassia europea e nassional, pregando Gesù bambin de portar, sopratut a lori, el dono pi grando: la fede dei mati che i se parla in te la lengua co la qual i è stati tiradi su.

*Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali