Il lettino è rotto da 4 mesi medici costretti alla colletta

Qualcuno ha pensato a uno scherzo, ma poi guardando la faccia seria di medici e infermieri ha capito che c’era poco da ridere. Un banchetto è comparso fuori dal reparto di gastroenterologia dell’ospedale San Bartolomeo di Sarzana, alla Spezia. Con un cartello di questo tenore: «Offerte per l’acquisto di un lettino nuovo da endoscopia digestiva. Da quattro mesi, nel reparto, si è rotto il lettino e il personale sanitario lo ha riparato alla meglio per evitare che i pazienti cadano. Poi ha fatto richiesta alla locale Asl di un lettino nuovo, ma dopo inutili attese qualche giorno fa ha deciso di mettere una cassettina per le offerte. Una iniziativa simile, vendendo piantine offerte da un supermercato fu fatta settimane fa nel reparto di neonatologia e così furono acquistate dieci nuove culle. Sulla colletta in ospedale, ieri il direttore della Asl numero 5 Roberto Malucelli ha scritto una lettera al sindaco di Sarzana Massimo Caleo dove si legge «sono mortificato per il cartello esposto. La sanità spezzina ha di fronte problematiche che appaiono talvolta insormontabili, ma certamente non così disperate da mettere in discussione servizi essenziali e la sostituzione di essenziali attrezzature sanitarie. Mentre ringrazio il comune di Sarzana e le associazioni di volontariato per le somme che la sanità accetterà volentieri, l'unità sanitaria provvederà con la massima tempestività possibile. Purtroppo le procedure della pubblica amministrazione sono complesse e inutilmente barocche, sono quotidianamente la nostra croce».