"Lettonia sull'orlo del fallimento"

Dopo l'Islanda un altro annuncio di crack economico. Il primo
ministro Dombrovskis: "Subito tagli al bilancio, altrimenti ci sarà il fallimento". Fmi: "Sostegno finché saranno attuate politiche appropriate"

Riga - Dopo l'Islanda, ora tocca alla Lettonia. La crisi economico-finanziaria morde le casse dello Stato e preoccupa. "La Lettonia sarebbe sull’orlo della bancarotta e dovrà procedere a profondi tagli del budget". A lanciare l'allarme ai propri cittadini e agli eurotecnici di Bruxelles è stato il nuovo primo ministro Valdis Dombrovskis.

Lettonia vicina al fallimento "Lo Stato è sull’orlo del fallimento", ha dichiarato Dombrovskis subito dopo la propria nomina. "Il nostro primo dovere in questo momento è quello di preparare dei tagli al bilancio, altrimenti ci sarà il fallimento". Dopo che nel 2006 la Lettonia aveva battuto il record di crescita all’interno dell'Unione europea, recentemente il presidente Valdis Zatlers ha dovuto ammettere che il prestito di 7,5 miliardi di euro, accordato dal Fondo monetario internazionale alla fine di dicembre aveva salvato il Paese dalla bancarotta. L'istituto di New York ha, quindi, ribadito che manterrà il proprio sostegno alla Lettonia finché saranno messe in campo politiche economiche appropriate.