L'Europa è al bivio: eleggiamo un leader 

Solo un capo eletto dal popolo può legittimare la politica Ue. Altrimenti è meglio dividersi
<br />

L’Europa ha due strade per usci­re dalla crisi: fare un passo indie­t­ro e rompere l’unione economi­ca, tornando alla piena sovrani­tà degli Stati nazionali o fare un passo avanti e fondare davvero l’unione politica europea con un suo effettivo governo centra­le. Oggi è nel mezzo, come si addice a chi costeggia il baratro. Ha i vincoli dell’unione monetaria ma non ha le prerogative della sovranità politica, è schiava del mercato e non è padrona del suo destino. È esposta a tutte le intemperie perché non ha una Casa e nessuno che possa decidere di aprire, socchiudere o chiudere la porta.

Prima ancora dei poteri forti che mangiano quote di sovranità popolare e nazionale, l’Europa soffre i poteri deboli di un consorzio economico privo di decisione politica unitaria e di autorevole legittimazione democratica. Deve affidarsi a provvisorie coppie reali, come la Merkel e Sarkozy, prive di un mandato effettivo di sovranità per dettare legge agli altri Stati sovrani, o deve scivolare nel baratro della dipendenza economica o trascinati dal carro americano.

A questo punto sono plausibili due vie: una di ripresa degli Stati nazionali con le loro pienesovranitàpolitiche,popolariemonetarie, ammettendo che l’Euro non riesce ad at-traversare la tempesta e dunque si scioglie. Fare il passo indietro, allacciare patti ma evitare le unioni. Oppure fare quel benedetto passoavanti. Come? Innanzituttolavorando allanascitadiunoStatoEuropeoapartiredallaelezionepopolarediuncapodelloStatoeuropeo. O meglio, se si vogliono preservare gli assetti interni e le differenze tra Stati monarchici e Stati repubblicani, un presidente del Consiglio europeo eletto dal popolo, con un governo europeo. L’investitura popolare rappresenterebbe simbolicamente l’unità del popolo europeo, darebbe autorevolezza al suo leader e al suo governo, che non sarebbe più una commissione col suo presidente ma un vero decisore politico, un sovrano seppure a tempo, con un suo governo super partes .

E consentirebbe di rimediare al peccato originale dell’ Unione europea: quello di non essere stata mai decretata da un referendum del popolo sovrano europeo. Un mutamento così importante nella vita e nella costituzione degli Stati che non è mai passato dalla legge difondazione della democrazia, il voto dei cittadini, la deliberazione dei sovrani. So che una scelta di questo genere comporterebbe mille traumi, problemi e controindicazioni. Ma non possiamo continuare con un’Europa impotente, che vive un rapporto diseguale con il principale partner, gli Stati Uniti d’America,che ha un suo leader a investitura popolare. Ma anche con gli altri grandi soggetti mondiali: la Russia, la Cina, l’India. La crisi finanziaria da pericolo può essere trasformata in una formidabile occasione costituente. In che cosa cambierebbe l’assetto europeo? Avrebbe unità di decisione in politica estera, militare, economica. Le identità nazionali resterebbero sul piano delle culture e dei popoli, e il campo delle sovranità territoriali su base nazionale riguarderebbe alcuni ambiti essenziali dell’assetto pubblico,quelli che più toccano la storia, il carattere e la vita dei popoli.

Ci sarebbe poi un ambito intermedio in cui le differenze di partenza molto forti dovrebbero essere gradualmente superate: penso al sistema sanitario e previdenziale, per esempio, ad alcune leggi di sistema della tutela ambientale o dei codici civili e penali, insomma a una nutrita sfera di competenze in movimento. Questa attuale è un’Europa dimezzata, anzi decapitata. All’Europa manca oggi la testa e manca il simbolo visibile della sua unione, che è alla base di un vero patriottismo europeo, fonte di coesione e di proiezione nel futuro. Manca la grande politica che sa fondare nuovi assetti, vorrei quasi dire nuove tradizioni. Una confederazione europea sarebbe oggi una grande novità sul piano internazionale, un’iniezione di fiducia sulle piazze, i mercati e i palazzi d’Europa, e finalmente un investimento politico sul futuro, con un’investitura di popolo, come si addice a una vera democrazia. Ciò ridisegnerebbe la mappa dei poteri, i governi ripensati come governatorati, il ruolo della Banca centrale europea, interno e non superiore alla sovranità popolare e politica, la forza di un Grande Interlocutore unito sul piano internazionale. Da anni, forse da decenni, non nascono più novità, non si produce più storia, si gioca sulla difensiva e sulla ripetizione dell’esistente. È il momento di giocare all’attacco, di aver l’audacia di spostare l’agenda dei problemi dalle miserie del presente all’ambiziosa grandezza di un progettofuturo. E se va male, che tornino gli Stati nazionali, piuttosto che queste servitù senza potestà. Riportiamo la Borsa dentro la casa europea e non l’Europa dentro la Borsa. Siamo uomini, popoli e culture e non indumenti, carte e monete.