L'ex spia Anna Chapman si schiera con Putin

È apparsa alla tribuna del congresso del moviumneto giovanile di "Russia Unita" accompagnata dalle sue guardie del corpo

La russa Anna Chapman, la spia dai capelli rossi espulsa a luglio dagli Stati uniti, oltre che sulle riviste maschili è comparsa oggi anche sulla tribuna del congresso di Molodoya Gvardia (la guardia dei Giovani) l'organizzazione giovanile che fa capo a Russia unita, il partito del premier Vladimir Putin. A 28 anni, Anna Chapman è entrata a far parte del Consiglio sociale del movimento, si legge sul suo sito internet. Molodoya Gvardia, un nome mutuato dall'era sovietica, è uno dei movimenti giovanili promossi dal potere per sostenere le sue politiche. Al termine di un intervento congressuale carico di retorica, Chapman non ha risposto alle domande dei giornalisti che le chiedevano quali funzioni ricoprirà all'interno del movimento e si è fatta accompagnare all'uscita dalle sue guardie del corpo.
Anna Chapman è una dei dieci dirigenti del SVR (il servizio informazioni estero russo) arrestati da Washington a giugno prima di essere riconsegnati a Mosca con uno scambio in stile guerra fredda.
A differenza dei suoi colleghi che hanno mantenuto la consegna del silenzio in uso nei servizi segreti, Chapman è diventata un personaggio pubblico, posando in deshabillé per una rivista maschile a ottobre.