A lezione per fare buoni affari in Cina

A Treviso un corso riservato a imprenditori e addetti di piccole e medie imprese che puntano al più grande mercato del mondo. Dal bon ton alle norme giuridiche, dalle tecniche di negoziazione ai rapporti con il cliente, tutti i segreti per avviare e concludere una trattativa commerciale. Si parte il 13 gennaio<br />

Prima il terremoto, poi la grande crisi finanziaria mondiale. Il 2008 è stato un anno nero anche per la Cina. Il gigante ha tremato ma naturalmente è rimasto in piedi. E tutto lascia pensare che prima o poi, visto il suo immenso potenziale, tornerà a correre. Di certo, un potenziale mercato di oltre un miliardo e 300 milioni di persone non si può ignorare. Così pare più che opportuno il corso organizzato da Treviso Tecnologia e da Centro estero veneto, Eurosportello veneto, Università Cà Foscari di Venezia e Enterprise Europe network per offrire a imprenditori, dipendenti, collaboratori a progetto di piccole e medie imprese gli strumenti indispensabili ad avviare efficaci trattative commerciali con il mercato cinese.

Un approccio corretto. Il corso (36 ore suddivise in sei giorni) affronterà gli aspetti socio-culturali e i rapporti interpersonali illustrando l’importanza della tradizione per i cinesi, i tratti fondamentali dell’identità culturale. Il capitolo sul corretto approccio interculturale tratterà di stereotipi, malintesi e comunicazione; etichetta, norme di comportamento; convivialità e pratica del dono. E per quanto riguarda la trattativa commerciale si parlerà di creazione di un contatto e gestione del rapporto con i clienti, delle tecniche di negoziazione e della gestione del tempo e dello spazio nella trattativa. Quanto agli aspetti economico-aziendali sono in programma i seguenti argomenti: la pubblicità commerciale; regolamentazione della pubblicità e nuove procedure per entrare nel mercato pubblicitario; analisi di alcune pubblicità (strategie di marketing, valori trasmessi, linguaggio verbale e visivo impiegato, riferimenti storico-culturali).

Esperienze dirette. Il capitolo «Esperienze dirette e casi aziendali» risponderà alla domanda «perché investire?» e illustrerà quindi le diverse modalità di approccio ai vari mercati, con suggerimenti, consigli e strumenti a disposizione. Ci sarà spazio anche per gli aspetti tecnico-giuridici, dalle recenti evoluzioni del contesto normativo al sistema giudiziario e all’arbitrato, dagli aspetti operativi del diritto commerciale alla tutela dei marchi e della proprietà industriale fino all’assistenza delle aziende italiane in Asia e in Europa Orientale.

Strumento indispensabile. Il corso si propone insomma di illustrare le peculiarità culturali delle realtà cinese, fornendo gli strumenti indispensabili per effettuare efficaci trattative commerciali e portare a buon fine rapporti di collaborazione e scambio. Per svolgere attività economico-commerciali è necessaria infatti, da parte degli operatori italiani, l'acquisizione di un bagaglio di conoscenze specifiche relative al Paese in cui si opera. Al termine del corso ai partecipanti sarà rilasciato, sulla base delle effettive presenze, l'attestato di frequenza sottoscritto da Treviso Tecnologia.

Inizio corso: 13 gennaio 2009. Orari: 36 ore in aula dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17. Calendario incontri: 13-20-27 gennaio e 2-11-18 febbraio. Frequenza: obbligatoria. Sede: Centro Cristallo, via Roma 4, Lancenigo di Villorba (Treviso). Il corso è cofinanziato dal Fondo sociale europeo nell'ambito del programma Investiamo per il vostro futuro. Chi vuol partecipare è pregato di contattare la dottoressa Francesca Favaretto f.favaretto@tvtecnologia.it o la dottoressa Franca Bandiera f.bandiera@tvtecnologia.it