Lezioni di galateo nel cuore di Trastevere

Più o meno consapevolmente, ne siamo suggestionati e condizionati tutti. Non fosse altro perché Il Galateo di Monsignor della Casa rappresenta un nocciolo di civiltà rinascimentale rotolato con estrema naturalezza fino a noi: un’eco del passato sempre pronta a far risuonare i suoi precetti e i suoi consigli ovunque ci troviamo, con chiunque ci relazioniamo. Nasce come trattato a metà ’500; irrompe con laica sacralità nella società cortese e nobiliare dell’epoca e poi, andando avanti nei secoli, entra prepotentemente nell’educazione di intere generazioni: si trasforma in affidabile vettore di buone maniere, efficace ieri come oggi. Da qui l’idea di trarne uno spettacolo teatrale che, diretto da Antonio Santagata e intitolato L’altro, approda questa sera a Roma, nell’ambito della rassegna Esplor/Azioni, dopo il felice debutto di domenica scorsa al festival di Benevento. È un attore eclettico, moderno e arguto come Paolo Graziosi (di recente visto sul grande schermo nel film Il divo di Sorrentino e sulle scene nell’apprezzata Trilogia della villeggiatura di Servillo) a farsi carico, insieme con Dino Ruggiero, di questo racconto ispido ma affascinante, colto ma in fondo semplice, dove bon ton e buon senso, facezia e rigore etico si mescolano per ricordare al pubblico che, in fatto di comportamenti e rapporti sociali, assai poco è cambiato da allora. Tanto più che la pièce - alla cui realizzazione ha collaborato Gioia Costa - elegge a suo palcoscenico ideale il Chiostro della Confraternita di San Giovanni dei Genovesi, nel cuore di Trastevere: uno degli angoli più belli e più nascosti della Roma rinascimetale. Repliche domani e sabato. Info: 060608; 339/8019336.