Libano: attrice rifiuta film da 4 milioni di dollari, scene sexy contrarie a sharia

La nota attrice libanese Mayy Hariri ha<BR> rinunciato al ruolo da protagonista in un film<BR> che si girerà negli Stati Uniti per la presenza<BR> nella sceneggiatura di quattro scene sexy

La nota attrice libanese Mayy Hariri ha rinunciato al ruolo da protagonista in un film che si girerà negli Stati Uniti per la presenza nella sceneggiatura di quattro scene sexy. Secondo quanto riporta il giornale arabo 'al-Quds al-Arabì, l'attrice ha respinto l'offerta giunta da una casa cinematografica americana perchè «le scene sexy sono contrarie alla sharia». «Non posso macchiare la mia fama di donna araba e musulmana - ha spiegato l'attrice - sono una madre il cui obiettivo fondamentale è preservare l'onore e la buona fama della mia famiglia». La donna ha spiegato inoltre: «All'inizio avevo accettato con entusiasmo, ma quando ho visto che dovevo girare scene hard mi sono subito ritirata». La Hariri ha colto l'occasione per puntare il dito contro le altre attrici arabe che invece interpretano ruoli di primo piano in pellicole di questo genere. «Non sono come la mia collega Salma Hayek (attrice messicana di padre libanese) - ha concluso - che gira scene di quel tipo. Io temo il giudizio e la punizione di Dio e voglio che i miei figli abbiano una buona opinione di me».