Via libera al nuovo blocco degli sfratti

da Milano

«La ritualità della proroga degli sfratti si è consumata una volta ancora, in spregio a ogni diritto della proprietà e a ogni diritto riguardante i contratti in corso legittimamente stipulati, con una violenza mai manifestata fino ad ora». È questo il commento del presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, all’approvazione da parte del Senato del disegno di legge per la riduzione del disagio abitativo. Confedilizia, in una nota, ricorda che quello di ieri è il ventunesimo atto di blocco e afferma che si tratta «del più ampio provvedimento vincolistico degli ultimi trent’anni», sia per durata che per estensione territoriale. Alle proteste si unisce anche Giacomo Carini, presidente nazionale della Unione Piccoli Proprietari Immobiliari che ha definito «indegna» per uno Stato che vuole considerarsi democratico, l’approvazione dell’ennesimo disegno di legge di «blocco» degli sfratti e di reintroduzione di una nuova forma di graduazione della data di esecuzione fissata dal magistrato. «Sono decenni - ha commentato il rappresentante dell'Uppi - che viene rinviata, con illegittimi e incostituzionali provvedimenti, l'attuazione di titoli esecutivi emessi dopo annosi e costosi giudizi». Carini ha invitato gli interessati a sollevare eccezioni di incostituzionalità della nuova normativa e ad attivare nei confronti dello Stato italiano, azioni di risarcimento dei danni derivati ai locatori dalle sistematiche violazioni dei loro diritti fondamentali.