UN LIBERALE ROSSO NON È UNA PERDITA

Egregio dottor Lussana, avendo letto con grande interesse il suo articolo, in cui lei auspica il «recupero» dell'attuale assessore di Burlando, mi preme fare qualche breve considerazione in merito.
Premetto di non aver mai conosciuto personalmente il professor Pittaluga e pertanto le mie considerazioni sono soltanto di ordine politico e non personale.
1) Un vero liberale (come lei qualifica il professor Pittaluga) non può, per definizione, fare combutta con chi ha sempre negato lo stesso diritto all’esistenza del liberalismo, della proprietà privata e del primato dell’Individuo sullo Stato. È veramente difficile credere che un liberale possa pensare di trovare nella coalizione di sinistra la sua casa politica ideale o almeno compatibile con i suoi ideali.
2) Se cade la giustificazione ideale, resta solo quella dell'ambizione, (...)