«Liberazione» fa satira sui lager

C’è una dura reazione di Israele, ma anche un dibattito in Internet su quella che viene definita la prima mossa «oltraggiosa» della sinistra italiana nei confronti del mondo ebraico. È partito tutto da una vignetta pubblicata da Liberazione, che, illustrando la barriera di separazione in Cisgiordania, ha scritto: «La fame rende liberi», che richiama la scritta «Il lavoro rende liberi», posta all’ingresso del lager nazista di Auschwitz dalle SS. Ieri il quotidiano israeliano Yediot Ahronot ha titolato un servizio sul caso-Liberazione «Antisemitismo oltraggioso», indignazione anche da parte dell’ambasciatore in Italia Ehud Gol. Ci si «meraviglia» del silenzio del presidente della Camera e leader di Rifondazione Fausto Bertinotti.