«Liberazione» sdoppia i direttori

Compromesso a Liberazione, il quotidiano di Rifondazione comunista in procinto di passare nell’orbita della galassia Left dell’editore Luca Bonaccorsi, vicino allo psichiatra-guru Massimo Fagioli e, tramite lui, a Bertinotti e alla minoranza vendoliana. L’ipotesi in discussione vede due direttori affiancati: uno si occuperebbe delle pagine sulla vita del partito e l’altro gestirebbe il resto del giornale. La redazione intanto si stringe a Piero Sansonetti che ha firmato un quotidiano vivace soprattutto dopo la vittoria di Paolo Ferrero (nella foto) al congresso di luglio. E proprio Sansonetti, dalle colonne del giornale, lancia la proposta di un comitato di garanti con il ruolo di editore. Tra questi, Moni Ovadia, la Camusso e Rodotà.