Libia, investimenti per 150 milioni

Eni

Un programma di investimenti sociali in Libia per 150 milioni di dollari. Questo il contenuto dell’accordo firmato in Libia dall’amministratore delegato dell’Eni Paolo Scaroni con la Gheddafi development foundation e la Noc, la compagnia petrolifera statale. Gli investimenti, da realizzare nel prossimo biennio, riguarderanno la formazione professionale di giovani libici (tra l’altro 150 ingegneri e laureati in discipline scientifiche e finanziarie, da inserire nel circuito internazionale di Eni), la realizzazione di ospedali, la conservazione e il ripristino di siti archeologici, interventi per l’edilizia scolastica e in campo ambientale e industriale. Eni si impegnerà tra l’altro nel rimodernamento di ospedali situati in prossimità dei suoi siti produttivi. Eni, presente nel Paese dal 1959, è l’operatore estero più importante in Libia per investimenti, produzione, attività e risorse umane.