Libro di Fenoglio Guerre e intrighi di un gentiluomo del Settecento

Il genovese Renato Fenoglio, architetto, autore di diversi volumi fra cui «Fortificazioni di Genova», «Genova medioevale», due libri di favole e inoltre assieme ad altri studiosi «Storia di Magliolo», ha recentemente dato alla stampa, edizione Libreria Cento Fiori di Finale Ligure, un nuovo libro dal titolo suadente ed accattivante di «Gentiluomo d’armi». Si tratta della storia, per altro in parte realmente accaduta e confermata dalle fonti dall’Archivio di Stato di Genova, del gentiluomo finalese, colonnello, Giovanni Battista, o Gio Batta Fenoglio, suo antenato vissuto attorno al 1700 e nato a Finalborgo e che prestò servizio nell’esercito del re di Spagna. Le vicende si svolgono in Liguria, in Lombardia e infine in Spagna, ed oltre ad eventi bellici riguardano avventure galanti e amorose, non prive di fascino, intrighi e mistero. La narrazione scorre vivace, fluida e interessante e lo stile è limpido, agile ed efficace. Trattasi senza dubbio di un libro che va letto e apprezzato anche per le notizie specifiche riguardanti il territorio del Finale, in cui oltre al protagonista agiscono non pochi personaggi caratteristici e tipici della Liguria di quel tempo. L’ambientazione settecentesca è ben inquadrata nell’epoca storica e nel contempo attenta e coinvolgente. A proposito del volume in parola, il professore Francesco Gallea, autore della prefazione, opportunamente, fra l’altro, annota: «... L’autore è molto abile nel ricreare l’atmosfera dei carruggi genovesi, del borgo finalese, delle case nobiliari della marina, ma è anche capace di ricostruire poderose scene di battaglie e di scontri tra fazioni... Storia e invenzione si incrociano in modo organico e costruiscono un testo di gradevole lettura...».