Il libro Un pamphlet duro e personale

Esce il 24 novembre da Rizzoli, La dittatura europea di Ida Magli, un pamphlet duro e personalissimo. Ida Magli, tra i primi oppositori dell’Unione europea, risale all’origine di questo disastro, andando a cercare, nella storia e nei suoi incontri, i principali colpevoli, senza sconti a nessuno, dalla politica «interessata» alla Chiesa, dagli intellettuali pavidi ai banchieri pronti a imporre su tutti la loro legge. Magli descrive le élite economiche che governano l’Europa. Si tratta di gruppi di potere che occupano la scena pubblica senza dichiararsi, lavorando dietro le quinte e lasciando la ribalta alla politica. Esaltano il capitalismo e la libera concorrenza, ma tendono a essere monopolisti e ad arricchirsi a spese dello Stato. Patriottici a parole, favoriscono la globalizzazione e i poteri transnazionali. Il processo di unificazione ha dunque reso meno libera il popolo europeo, escluso dalle istituzioni. Ida Magli ha gettato il sasso...