Il libro Quei pionieri dell’editoria

Ripercorrere in un libro le vicende delle case editrici Paggi e Bemporad, antenate dell’attuale gruppo Giunti: è quanto hanno fatto alcuni studiosi esaminando un itinerario culturale che fu rivolto in particolare al settore dell’istruzione primaria. Tra Ottocento e Novecento, infatti, prima la libreria fiorentina dei fratelli Paggi, poi la concessionaria Bemporad furono protagoniste della fase pionieristica dell’editoria italiana, specialmente per le letture giovanili (Pinocchio e Gian Burrasca) e per le pubblicazioni educative. La storia dell’impresa editoriale coincise in buona parte con la vita di Enrico Bemporad, editore di grande sensibilità nei confronti della scelta dei testi e degli autori, oltre che di notevole modernità per le sue strategie commerciali.
Il volume, dal titolo «Paggi e Bemporad, editori per la scuola - Libri per leggere, scrivere e far di conto», a cura di Carla Ida Salviati (Giunti Editore), verrà presentato oggi, alle 17, alla Biblioteca Berio. Saranno presenti Francesco De Nicola, presidente della Società Dante Alighieri-Comitato di Genova, Pino Boero e Anna Giulia Cavagna dell’Università di Genova, Aldo Cecconi dell’Archivio storico Giunti Editore, e il giornalista Walter Fochesato. Autori dei vari capitoli del libro, oltre a Carla Ida Salviati, sono Aldo Cecconi, Carmen Betti, Gianfranco Bandini, Stefano Oliviero e Silvia Castaldi.