Il libro Le «Sanguisughe» di Giordano al Bristol

C’è il pensionato Inps più ricco d’Italia con 90mila euro al mese, e ci sono tre onorevoli che sono stati in Parlamento soltanto un giorno, e prendono la pensione da parlamentari per tutta la vita. Sono soltanto alcuni dei casi raccontati da Mario Giordano, ex direttore ed editorialista del Giornale, oggi direttore di «NewsMediaset» che domani, alle 17, sarà a Genova all’Hotel Bristol di via XX Settembre per presentare il suo ultimo libro «sanguisughe». L’incontro, che sarà moderato dal caporedattore del Giornale di Genova, Massimiliano Lussana, è stato organizzato dal consigliere regionale del Pdl Matteo Rosso, insieme con l’associazione «L’Oblò di Genova», presenta alla presentazione con il suo presidente massimo Nicolò. «Con l’orgoglio e la passione con cui ho sostenuto insieme al Giornale tante battaglie contro gli sprechi dei soldi pubblici nell’interesse dei cittadini - racconta Matteo Rosso -, adesso sono contento di questo appuntamento così importante a Genova con Mario Giordano». Che, da parte sua, sta già raccogliendo molti consensi proprio per la sua maxi inchiesta. Prova ne è l’interesse che ha suscitato nel pubblico di Albenga, dove è intervenuto l’altra sera, dialogando con il professor Luca Beltrametti, ordinario di politica economica all’Università di Genova, in un riuscitissimo incontro voluto e organizzato dall’assessore ai Servizi Sociali del Comune Eraldo Ciangherotti.
Il mondo dei privilegi ha scandalizzato una platea di 150 persone, molte delle quali si sono già iscritte su Facebook per commentare proprio con l’autore la vergogna di tali facilitazioni.
«In pochi giorni - ha spiegato Giordano - circa 20mila persone si sono iscritte alla pagina Sanguisughe e continuano a discutere e denunciare. Il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua, che amministra 20 milioni di pensionati in Italia, mi ha telefonato per dirmi che nel libro ha trovato situazioni dell’Inps che nemmeno lui conosceva e che ha messo subito al lavoro i tecnici del ministero per vedere che cosa si può fare con le competenze dell’Inps per rimediare a questa ingiustizie».
Proprio sulle nostre pagine Massimiliano Lussana ha già raccontato i casi più vicini alla Liguria e a Genova. Ma certamente il libro resta un’interessante lettura per tutti i cittadini. Magari per scandalizzarsi anche per certe pensioni minime che a causa di trattenute e tasse varie passano da 402 euro a 78 centesimi.