Un libro sulle vigne che «ascoltano» Mozart

Domani (ore 18, ingresso libero) all’Auditorium Cariplo di largo Mahler, presentazione del libro di Carlo Cagnozzi L’uomo che sussurrava alle vigne (Rizzoli, pp 168, euro 15), ovvero la favola in prima persona di un avvocato che dopo trent’anni di professione lascia Milano per andare a produrre Brunello di Montalcino. Arrivato all’età della pensione, l’avvocato milanese Carlo Cignozzi lascia tutto e si trasferisce con la famiglia in Val d’Orcia, dove, nel podere «Paradiso di Frassina», inizia a produrre il nobile vino, ottenuto con uve che «ascoltano» Mozart 24 ore al giorno. Nessuno prende l’esperimento sul serio finché un marchio di prestigio come Bose installa le sue casse acustiche nel vigneto. Bene, le note musicali hanno effetti inaspettati: foglie e frutti prosperano più abbondanti che mai, i grappoli maturano precocemente e le viti appaiono più resistenti ai parassiti.