Licenziato per giusta causa il direttore di Sviluppo Genova

Un «terremoto» su Sviluppo Genova. È quello deliberato dalla stessa società a controllo pubblico che ha deciso di licenziare in tronco il direttore amministrativo, Salvatore Saffioti. Una scelta emersa una decina di giorni fa in seguito a un consiglio di amministrazione guidato dal neo presidente Pier Giulio Porazza - che ha fatto della trasparenza la sua bandiera - che ha visto la partecipazione di quattro dei cinque consiglieri e che ha chiesto la costante assistenza di due avvocati specializzati in materia.
Nessuno sembra aver avuto dubbi, tanto che tutti i presenti hanno approvato il licenziamento del dirigente motivandolo con la «giusta causa». Un particolare che sorprende e che potrebbe far pensare a motivi particolarmente gravi che sarebbero all’origine del licenziamento. Dal massimo riserbo imposto da Sviluppo Genova emerge solo la possibilità che la decisione del consiglio di amministrazione sia legata ala vicenda dell’acquisizione, della ristrutturazione e della successiva vendita in lotti della ex cartiera di Voltri per uso artigianale. Operazione condotta dalla società a controllo pubblico che, alla luce della decisione assunta, potrebbe aver fatto emergere situazioni tali da portare all’interruzione del rapporto con il direttore amministrativo.